La terza Eleonora

Stai leggendo Storie del Portogallo: gli avvenimenti.

Dom Fernando I, O Formoso, il Bello(1345-1383), re dal 1367. Da: http://www.vozdodao.net/index.php?…rei-d-fernando

Dom Fernando, O Formoso, il Bello, succeduto al padre nel 1367 ne combina di tutti i colori. Ora alleandosi con gli aragonesi e con gli arabi di Granada, ora con gli inglesi, si imbarca in tre guerre con la Castiglia, uscendone sempre con le ossa rotte. Contravvenendo ai patti e alle promesse, non sposa Eleonora di Castiglia né Eleonora d’Aragona , due principesse e ottimi partiti, ma una terza Eleonora, Eleonora Teles de Meneses, bella e perfida, appartenente a una famiglia dell’alta aristocrazia terriera portoghese. Il matrimonio- un’aperta virata verso gli interessi della nobiltà-  fa imbufalire  le classi medio -basse  e mette a rischio la pace sociale raggiunta dai sovrani  precedenti.
Il regno soffre, all’interno e all’esterno: servirebbe un re con un carattere diverso. Fernando, invece, sembra non sapere che pesci pigliare. Cambia  frequentemente alleati e obiettivi; si rimangia le promesse di matrimonio; ora parteggia per il papa,  ora per l’antipapa , aumentando la confusione; pone  il paese alla mercé dei nemici e, qualche volta, persino degli alleati; subisce  saccheggi, scorrerie , perdita di territorio,  persino l’occupazione temporanea di Lisbona da parte di Enrico II di Castiglia e la distruzione quasi completa della flotta. Si appoggia ai nobili, beneficiando le grandi famiglie – i Castro , i Meneses e compagnia bella –  e ignorando le classi emergenti; il suo andare  e riandare dal papa all’antipapa  crea tensioni fra il clero e  fra  i fedeli. Anche se emana qualche buona legge, soprattutto in materia di navigazione e di commerci, sembra capirci poco. Per la maggior parte dei portoghesi c’è un’unica spiegazione: il re non comanda, comanda Eleonora.

Leonor Teles(oTelles) de Meneses( o Menesez), A Aliviosa(la Perfida):1350-1386. Reggente del Portogallo dal 1383 al 1385.

Il malcontento cresce, alimentato dalla guerra e da provvedimenti intesi a restituire all’alta aristocrazia  i privilegi e il potere  intaccati dalle conseguenze  della peste nera e  dai mutamenti sociali in atto. In particolare una legge, la Lei das Sesmarias , intesa a legare i contadini alla terra per favorire il ripopolamento delle campagne, provoca malcontento e reazioni. Quando, nel 1383,  dom Fernando  muore, la rabbia esplode. Da nord a sud si moltiplicano le  sollevazioni popolari. Si formano due “partiti”, quello della regina- reggente , appoggiato all’inizio  dall’alta aristocrazia e quello del mestre di Avis, quel  Joao figlio illegittimo  di dom   Pedro, appoggiato dalla nascente borghesia.
Si va, in sintonia con i tempi,  verso  uno scontro sociale, mascherato da  scontro politico.

Clicca qui per continuare la lettura( La vigilia dell’Assunta)

Pagina precedente (I giorni del giudizio)

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: